mercoledì 20 gennaio 2016

KRAPFEN SCHMITZ DI ITALO SVEVO






Aron Hector Schmitz...Ettore Schmitz... Ettore Samigli...insomma Italo Svevo: è uno dei personaggi di casa nostra, di cui noi triestini andiamo fieri. Non sto qui ad elencare cosa ha fatto e quello che ha scritto. Chi lo desidera può documentarsi facilmente.
Mi sono capitati tra le mani due smilzi libretti: "A tavola con Italo Svevo- Primi e Secondi" e "A tavola con Italo Svevo- I Dolci". Riportano le ricette di Villa Veneziani, che era dimora e pensatoio del nostro autore; Livia Veneziani era sua moglie. 
Sono libretti, quindi, che parlano di vita casalinga, di abitudini di famiglia, di desinari d'epoca, e-perchè no?- di preferenze e golosità. Tant'è vero che, ad un nuovo dolce, inventato dalle cuoche di casa, il Nostro si divertì a dare il proprio nome. Nacque così il Krapfen Schmitz.





Mi ha incuriosito subito e ho voluto provarlo: davvero brave le cuoche di casa Veneziani! E' un dolcetto semplice, ma molto molto gradevole, friabilissimo.     
     Ingredienti

330 g burro
3 tuorli
120 g zucchero
600 g farina
sale

     Procedimento

Montare a spuma il burro con lo zucchero. Ottenuta una crema, aggiungere uno alla volta i tuorli ed infine la farina. Formare delle palline ed adagiarle su teglia coperta da cartaforno.
" Fare su ogni pallina un buco al centro con un dito, bagnare il centro "...io ho interpretato questa frase così: fare un incavo su ogni pallina e bagnarlo. A questo scopo ho usato un manico largo di legno e ho bagnato l'incavo con un piccolo pennello inumidito nell'acqua. Infornare a 180° per 20 minuti circa.
Tolti dal forno e fatti raffreddare, i Krapfen vanno cosparsi di zucchero a velo ( ho usato quello vanigliato ) e l'incavo è riempito di marmellata.





Siccome era una prova, ho lavorato solo con un terzo delle quantità date, ed ho ottenuto nove palline di circa 40 g l'una. Ho usato marmellata di ribes.




3 commenti:

  1. Sono davvero molto belli, ricordano gli ovis molis nella forma.Assolutamente da provare.

    RispondiElimina
  2. Bellissimi,li proverò.Grazie

    RispondiElimina

Per piacere evitate i commenti anonimi